Il Programma di Borse di Studio

Le Borse Bogliasco vengono assegnate ad artisti ed accademici qualificati nel loro lavoro senza distinzione di nazionalità, età, razza, sesso o religione impegnati in un progetto concernente un qualsiasi argomento nelle seguenti discipline:

  • Archeologia
  • Architettura
  • Architettura del paesaggio
  • Arti visive
  • Danza
  • Film/Video
  • Filosofia
  • Letteratura
  • Musica
  • Storia
  • Studi Classici
  • Teatro

Nelle discipline artistiche, la Fondazione Bogliasco accetta candidati che svolgono progetti sia creativi che accademici. Ogni semestre è possibile presentare candidature nelle lingue Italiano, Inglese, Francese e Spagnolo attraverso il sito Internet della Fondazione. Un comitato internazionale di esperti che si avvicendano a rotazione viene incaricato di valutare i candidati sulla base della loro carriera e della qualità del progetto proposto. Lo stesso comitato compone accuratamente i gruppi composti da 8 a 10 residenti basandosi sulla diversità di nazionalità, età e disciplina tra i candidati prescelti. La Fondazione assegna circa 50 borse residenziali all’anno della durata di un mese ciascuna.

Strutture e Vita del Centro Studi
Il Centro Studi Bogliasco è composto da tre proprietà separate: Villa dei Pini, Villa Orbiana e Villa Rincon.

Villa dei Pini è situata lungo la Via Aurelia, l`antica via romana che da Roma conduceva a Ventimiglia e poi in Francia. Nella proprietà si trova un bellissimo antico giardino in stile genovese, con grandi pini ombrosi che crescono a picco sulla scogliera. Villa Orbiana e Villa Rincon sono immerse in un uliveto sulla collina ai piedi degli Appennini, a soli cinque minuti a piedi da Villa dei Pini. Ognuna delle tre ville è composta da stanze private, spazi comuni e studi di lavoro attrezzati con computer.

Situate in un'area suburbana, le tre ville ed i loro giardini offrono un’oasi di calma, con scorci spettacolari sul Mediterraneo e la costa ligure, un contesto che ha dimostrato essere di stimolo efficace al pensiero e alla creatività.

Durante il mese di residenza, ai Borsisti Bogliasco viene offerta una stanza con bagno, trattamento di pensione completa ed uno studio ad uso privato in una delle tre ville. Tutti i pasti sono serviti in comune ed ogni sera la cena è formale a base di prodotti, vini e formaggi locali. Ogni residenza dovrebbe portare alla pubblicazione di un progetto o una performance, ma durante la residenza non vi è nessun obbligo di presentare formalmente il proprio lavoro. Non dovendosi occupare delle incombenze della vita quotidiana, i borsisti sono liberi di sfruttare al meglio questo ambiente vivace e collaborativo.

La Fondazione incoraggia i borsisti ad interagire con la comunità locale. Per ogni gruppo viene organizzata una gita a Genova con le sue ricchezze storiche e culturali e vengono offerte lezioni di lingua italiana. I borsisti vengono inoltre stimolati a partecipare ad eventi importanti sul territorio, quali il Festival di Poesia e START, un evento artistico di risonanza genovese. Spesso i borsisti vengono anche invitati agli eventi teatrali e musicali della città e ad incontrare le personalità locali nella loro stessa disciplina, se lo desiderano.

Il tempo e lo spazio per creare in assoluta libertà, insieme alla stimolante compagnia di colleghi in una comunità intima, sono per i borsisti le condizioni ideali ad uno scambio intellettuale e creativo di grande portata che perdura nel tempo. Una bella conversazione attorno ad una tavola imbandita offre spesso occasione di ispirazione in diverse direzioni: nascono nuove idee e collaborazioni. Molti confessano che l’ambiente unico creato al Centro Studi ha influenzato il loro lavoro per anni.

Considerazioni Pratiche
La residenza viene offerta a titolo gratuito, ma i borsisti sono comunque responsabili per le spese del loro viaggio di andata e ritorno per il Centro Studi. I borsisti possono anche essere accompagnati dal loro coniuge/partner durante la permanenza al Centro. Si prega di notare che, qualora questo volesse svolgere un progetto di lavoro ed ambire al titolo di Borsista Bogliasco, dovrebbe sottoporre una domanda separata e completa in ogni sua parte sin dall’inizio. Allo scopo di stimolare uno scambio produttivo tra pari, il Centro Studi non può accettare bambini o altri familiari in residenza. I Borsisti devono essere almeno in grado di conversare, all’interno di questa comunità internazionale, in lingua inglese, che ne rappresenta generalmente la lingua condivisa.

I borsisti devono rimanere al Centro Studi per l’intera durata della residenza, portando con sé il materiale necessario al lavoro. Naturalmente la Fondazione non può ignorare che artisti ed accademici possano avere necessità di consultare altre fonti sia a Genova, che in altre parti d’Italia. In questi casi, lo staff sarà lieto di coadiuvare i borsisti nel raggiungere tali fonti.

Le residenze sono ripartite nei due semestri del tradizionale anno accademico: settembre-dicembre, e febbraio-maggio. La Fondazione non offre residenze nei mesi estivi.

Le date approssimative per le sessioni di autunno 2018 e di primavera 2019 sono le segenti:
 
Autunno 2018

3 settembre – 5 ottobre
8 ottobre – 9 novembre
12 novembre – 14 dicembre

Primavera 2019

7 gennaio – 8 febbraio
11 febbraio – 15 marzo
18 marzo – 19 aprile
23 aprile – 24 maggio

Le scadenze per presentare domanda di ammissione sono le seguenti: 15 gennaio per il semestre autunnale seguente, 15 aprile per il semestre primaverile seguente.

Per avere ulteriori informazioni su come presentare domanda di ammissione, cliccare qui