Recent Fellows

Bogliasco Fellowship Recipients - Fall 2016 Fellows

DANCE

 

Kim Brandt – Choreographer – United States

Untitled

During her Bogliasco Fellowship, Brandt will begin somatic and intellectual research of the movement relationships between humans and nature, initiating a new series of performance works. Exploring the symbiotic and inherent similarities between how and why living things move in harmony with one another, and maintaining her material-based practice, she will develop an ongoing inquiry of choreography as an artistic and philosophical understanding of our relationships to land, space and environment.

Durante la sua residenza a Bogliasco, Kim Brandt comincerà una ricerca corporea e intellettuale dei rapporti di movimento tra uomo e natura, iniziando una nuova serie di lavori performativi. Attraverso l’analisi delle somiglianze simbiotiche e intrinseche tra il come ed il perché le creature viventi si muovano in armonia tra di loro, mantenendo la propria pratica basata sui materiali, svilupperà un'indagine aperta sulla coreografia come mezzo di comprensione artistica e filosofica dei nostri rapporti con la terra, lo spazio e l'ambiente.

 

Photo: David Gonsier

Barbara Diewald – Choreographer – United States

The Seventh Moth

The Seventh Moth is a deep consideration of Virginia Woolf's fiction from a choreographic perspective. Woolf's novel The Waves will be both a dramaturgical resource and a proposition for creating movement. In addition to her physical research, Diewald will engage an ongoing practice of assembling inventories that she divines from The Waves. Driven by the formal and the sensuous, she will examine fiction, non-fiction, adaptation, and emergent form as she creates an embodied response to the force and vision of Woolf's circuitous poetics.

The Seventh Moth è una profonda riflessione, da una prospettiva coreografica, sulla narrativa di Virginia Woolf. Il romanzo della Woolf Le onde (The Waves) diverrà sia risorsa drammaturgica sia proposta per la creazione di movimenti coreografici. Oltre alla sua ricerca fisica, Barbara Diewald intraprenderà un percorso in divenire sulla creazione di inventari ispirati a Le onde. Spinta dal formale e dal sensuale, esaminerà la narrativa, la saggistica, l'adattamento e la forma emergente creando una risposta interconnessa alla forza e alla visione della tortuosa poetica della Woolf.

 

 

FILM/VIDEO

Denise Iris 

Denise Iris  – Filmmaker – Romania/Unites States

Dreams, Drooms, Dromes

A feature-length experimental film that reimagines the countercultural event of Rainbow Gatherings as a journey to an alien planet dreamed up by a little kid. Audio recordings from actual gatherings will be brought to life using fanciful creatures in fantastical minuscule landscapes of moss, lichens and other plant forms. The result is a composite portrait of a uniquely American utopia, both beautiful and flawed, populated by the nation’s fringe dreamers, healers, fighters, and stragglers.

Un lungometraggio sperimentale che re-immagina l'evento controculturale delle Rainbow Gatherings come un viaggio in un pianeta alieno sognato da un bambino. Si renderanno vive alcune registrazioni audio reali di questi incontri avvalendosi di creature fantasiose in minuscoli scenari immaginari fatti di muschio, licheni e altre forme vegetali. Il risultato è un ritratto composito di una America utopica unica, bella e imperfetta, abitata dalla frangia più radicale di sognatori, guaritori, combattenti e sbandati della nazione.

 

 

Marina Shron – Writer/Director – Russia/United States

Songs of Love and War

Songs of Love and War is an experimental film that blends live action and found footage with the music and poetic text of Benjamin Britten’s “Canticles” to explore the themes of war, religion, and (forbidden) sexuality through the journey of two biblical siblings.

Songs of Love and War è un film sperimentale che fonde l’azione dal vivo e la tecnica del found footage con la musica e il testo poetico dei “Cantici” di Benjamin Britten, con l’obiettivo di esplorare argomenti come la guerra, la religione e la sessualitè (proibita) attraverso il viaggio di due fratelli in un racconto biblico.

 

 

Rikun Zhu – Filmmaker – China

The Death of A Rebel

The Death of A Rebel takes place during China's Qing dynasty when peasants, led by Zhou Xiangquan, launch a rebellion against the tyrannical government. Then, under the threat of repression from the Emperor, the villagers are forced to betray him. Xiangqian turns himself in to the authorities in the hope of saving the villagers.

The Death of a Rebel si svolge durante la dinastia cinese Qing, quando i contadini, comandati da Zhou Xiangquan, iniziano una ribellione contro il governo tirannico. In seguito, sotto la minaccia di repressione da parte dell’ Emperatore, i contadini sono forzati a tradire Xiangquan, che si consegna alle autoritè sperando di salvarli.

 

 

HUMANITIES SCHOLARSHIP

 

Vladimir Alexandrov (History) – B. E. Bensinger Professor of Slavic Languages and Literatures, Yale University – United States

To Break Russia’s Chains: Boris Savinkov’s Wars against the Tsar, Lenin and the Bolsheviks

A biography of the legendary Russian revolutionary terrorist, political activist, and writer who fought both the tsarist and Soviet regimes because he saw them as equally tyrannical. Savinkov’s dream was a democratic, egalitarian, socialist Russia, with independence for all its subject nationalities. His tempestuous life (1879-1925) embodied issues that remain vital today–the character of the Russian state, its place in Europe, the scourge of terrorism, and individual agency under despotism.

Una biografia sul leggendario terrorista rivoluzionario russo, attivista politico e scrittore, che combatté sia gli zaristi che i regimi sovietici considerandoli in ugual modo tirannici. Il sogno di Savinkov era una Russia democratica, ugualitaria e socialista, con l'indipendenza per tutte le nazionalità a lei assoggettate. La sua tempestosa vita (1879-1925) incarnò temi che ancor oggi rimangono essenziali: il carattere dello Stato russo, il suo posto in Europa, il flagello del terrorismo e l'agire individuale sotto il dispotismo.

 

 

Agnieszka August-Zarebska (Literature-Scholarship) – Professor of Spanish culture and of Sephardic literature, culture and of Judeo-Spanish language, Department of Jewish Studies & Department of Romance Studies, Wroclaw University – Poland

The poetry of a dying language; Judeo-Spanish poetry as cultural and literary phenomenon

August-Zarebska will complete a book on the 20th-century renaissance of Sephardic poetry written in the Judeo-Spanish language by Jewish authors. During her stay, August-Zarebska will work on the book's two final chapters, which will explore poetic reflections on the threat of the death of this language.

Il progetto consiste nel completamento di un libro sul rinascimento della poesia sefardita, scritta in lingua ebreo-spagnola, nell'ultima metà del XX e XXI secolo da autori ebrei. Durante la sua residenza, Agnieszka August-Zarebska lavorerà ai due ultimi capitoli, che tratteranno principalmente le riflessioni poetiche sulla minaccia della sparizione della lingua in cui i poeti hanno deciso di scrivere.

 

Susan Barbour  

Susan Barbour (Literature-Scholarship) – Poet, critic, and sommelier – United States

REDOLENCE: The Poetics of Smell

A study of the language that smell employs and inspires. Part cultural history, part literary theory and analysis, and part personal essay, it draws on her experience as a poet, scholar, sommelier, and perfumer to explore the mysterious relation between text and nose.

Uno studio sul linguaggio che l'olfatto impiega e ispira. In parte storia culturale, in parte teoria letteraria e analisi, e in parte saggio personale, questo studio ricorre all’ esperienza di Susan Barbour come poetessa, accademica, sommelier e profumiere per esplorare il misterioso rapporto tra testo e naso.

 

Antonia Soulez 

Antonia Soulez (Philosophy) – Professor of Philosophy of Language and Music, University of Paris 8 – France

Grammaire et institution

Continuing on the theme of her book Détrôner l’Être, Antonia Soulez looks at Wittgenstein's "philosophical grammar" as an attempt to establish a non-alienating communication between people in the public space. This amounts to drafting a politics of language by mastering language usage, avoiding distortions that make lies and illusions possible. When language is unintelligible, it opens the door to public disharmony. A democrat of language, but an aristocrat against what he saw as the herd behavior of language use, Wittgenstein, far from being apolitical, saw his clarification of usage as a public welfare measure.

In continuità con il tema del suo libro Détrôner l’Être, Antonia Soulez considera la “grammatica filosofica” di Wittgenstein come un tentativo di stabilire una comunicazione non alienante tra persone nello spazio pubblico. Questo equivale a delineare una politica del linguaggio attraverso la padronanza dell’uso del linguaggio stesso, evitando le distorsioni che rendono possibili bugie ed illusioni. Quando il linguaggio è incomprensibile, apre le porte ad una pubblica disarmonia. Un “democratico” del linguaggio ma un “aristocratico” contro quello che considerava un approccio di massa all’uso del linguaggio, Wittgenstein, lontano dall’essere apolítico, vedeva la sua analisi sull’utilizzo del linguaggio come una misura tesa al benessere pubblico.

 

Barry Strauss (History) – Professor of History and Classics, Bryce and Edith M. Bowmar Professor in Humanistic Studies, Cornell University – United States

Caesars: Roman Emperors as Transformational Leaders from Augustus to Constantine

Roman emperors were agents of change. They combined martial prowess with political skill and emotional intelligence, thereby offering distant but distinct lessons for today's leaders. Strauss plans to write a chapter on the emperor Hadrian, part of a book (Simon & Schuster) on selected Roman rulers.

Gli imperatori romani erano promotori di cambiamento. Combinavano bravura nell’arte marziale con abilità politica e intelligenza emozionale, così da offrire lezioni lontane ma chiare ai leader attuali. Strauss intende scrivere un capitolo sull’Imperatore Adriano, come parte di un libro (Simon & Schuster) su alcuni selezionati governanti romani.

 

Photo: Pantea Lachin

Andreas Weber (Philosophy) – Biologist, philosopher, magazine writer, book author – Germany

Biopoetics. Embodiment, Expression, and the Feeling of Life. Toward an Existential Ecology.

Biopoetics, the book Weber will complete during his residency, is also the name of the philosophy of life he proposes, which also could be called a “philosophy of liberation”. Biopoetics suggests a science that does not consider organisms as machines but as feeling subjects. Biopoetics is a first-person account of biology and the living, making a shared “poetic objectivity” possible through embodied feeling.

Biopoetics, il libro che Weber finirà durante la sua residenza è anche il nome della filosofia di vita da lui proposta, che potrebbe anche essere definita una “filosofia di liberazione”. Biopoetics non considera gli organismi come macchine ma come soggetti sensibili. Biopoetics è un racconto in prima persona sulla biologia e gli esseri viventi, che crea una “obiettività poetica” possibile attraverso un punto di vista concreto.

 

 

LITERATURE

 

André Aciman – Distinguished Professor and Director of The Center for the Humanities at The Graduate Center, CUNY – United States

Enigma Variations (novel)

This novel asks: what is desire and how does time inflect our lives? It starts in Italy, where a boy, the narrator, has a crush on his parents’ carpenter, then moves on to a snowbound campus in New England where his passion for a girl he’ll meet again and again over the years is punctuated by hasty encounters with others; on a tennis court or a sidewalk in early spring, his attachments are ungraspable, transient and forever haunted by raw desire – not for just one person but, inevitably, for someone else as well.

Questo romanzo domanda cosa sia il desiderio e come il tempo influenzi le nostre vite. Comincia in Italia, dove un ragazzo, il narratore, si innamora del falegname dei suoi genitori; poi si trasferisce in un campus in mezzo alle nevi del New England, dove la sua passione per una ragazza, che incontra ripetutamente nel corso degli anni, è interrotta da altri incontri avventati: in un campo da tennis o in un marciapiede all'inizio della primavera, le sue passioni sono inafferrabili, fugaci e stregate da un crudo desiderio – non per un'unica persona, ma, inevitabilmente, anche per un'altra.

 

Marie Le Drian – Writer – France

Famille, silence et mélancolie

In her next novel, Marie Le Drian proposes to tackle the "silence surrounding the depression in families", thus continuing her approach to this "curse" that paralyses mind, body, and speech. What happens when this bond is suddenly lost within the confined space of family? We avoid bumping into each other; we lower our heads; we whisper. Silence settles in, both inside the house and outside: the malady – which sometimes has a fatal outcome – often catches up to family secrets.

Nel suo prossimo romanzo, Marie Le Drian propone di affrontare il “silenzio che circonda la depressione all'interno delle famiglie”, continuando così il suo approccio a questa “maledizione” che paralizza la mente, il corpo e la parola. Cosa succede quando all'improvviso si perde il legame all'interno dello spazio ristretto della famiglia? Evitiamo di incontrarci; abbassiamo la testa; sussurriamo. Si installa il silenzio, sia dentro che fuori casa: questo male, che a volte finisce tragicamente, spesso si fonde con i segreti di famiglia.

 

Howard Norman

Howard Norman – Professor of English, University of Maryland – United States

Given The Hours Still Left To Us (novel)

Three interwoven storylines: l. the investigation of a missing child dear to the community 2. the young marriage of Muriel and Zachary Teachout; she is a professor, he is a private investigator 3. the autobiography of Simon Freires, the narrator. Simon has returned to his l850 Vermont farmhouse following his own murder. You might say this novel is narrated in Ghost First Person point-of-view; it is a kind of erotic-intellectual-murder-Victorian-ghost-story placed largely in present day Vermont.

Tre trame connesse tra loro: 1. La ricerca di un bambino sparito, molto caro alla sua comunità. 2. Il matrimonio di due giovani, Muriel e Zachary Teachout: lei è una professoressa, lui è un investigatore privato. 3. L'autobiografia di Simon Freires, il narratore. Simon è tornato nella sua fattoria nel Vermont del 1850 in seguito al proprio omicidio. Si potrebbe dire che questo romanzo sia narrato in prima persona dal punto di vista di un fantasma; si tratta di una sorta di giallo vittoriano di fantasmi con componenti erotico-intellettuali, che ha luogo principalmente nel Vermont attuale.

 

 

MUSIC

Michael Eisenberg – Scheide Research Scholar, American Bach Society – United States

Seconda Pratica in Transmission: Seicento Instrumental Music in Engraving

This study undertakes a comprehensive examination of engraved instrumental sources of the Italian Seicento in order to establish engraving’s relationship to the progressive aesthetic of the seconda pratica. At the threshold of the Seicento, the sudden appearance of the florid seconda pratica style brought about a radical rupture in the experimental aesthetics of the Italian Baroque. To date, however, scholarship has consistently neglected the critical role copper engraving played in disseminating this innovative musical idiom.

Questo studio intraprende un esame completo delle fonti di musica strumentale del Seicento Italiano incise con l'obiettivo di stabilire il rapporto dell'incisione con l'estetica progressiva della seconda pratica. All'inizio del seicento, la comparsa improvvisa dello stile fiorito della seconda pratica portò a una rottura radicale nell'estetica sperimentale del Barocco italiano. Finora, tuttavia, gli studi accademici hanno regolarmente omesso il ruolo fondamentale che ebbe l'incisione in rame nel disseminare questo innovativo linguaggio musicale.

 

Silvia Fómina

Silvia Fómina – Composer, stage director, art director of Ars Subtilior orient occident – Argentina/Germany

Good Bye Beauty – What Remains

Fómina will be preparing scenic work for her “opera miniatures”, which belong to a larger chamber opera cycle, Labyrinths, based on Jorge Luis Borges' stories. Marking the 30th anniversary of the death of the celebrated writer (1899-1986), this cycle will be presented at chamber opera festivals in Venice, Weimar, Berlin and Buenos Aires in 2016-2017.

Fómina preparerà il lavoro scenico per le sue “opera miniatures”, che appartengono ad un più ampio ciclo di opere da camera, basato sulle opere di Jorge Luis Borges. Questo ciclo, in occasione del trentesimo anniversario della morte del celebre scrittore (1899-1986), sarà presentato nei festival di opera da camera di Venezia, Roma e Berlino.

 

Yi?it Kolat

Yigit Kolat – Composer – Turkey/United States – Edward T. Cone Bogliasco Fellow in Music

De Anima for string quartet and electronics

De Anima follows the interaction of five resonant bodies – the instruments of a string quartet and the performance space. The acoustic characteristics of the inner spaces of the instruments and the venue will inform the soundscape of the piece in real-time, creating unpredictable, non-reproducible musical results for each performance. Their interaction will imply sonic metaphors of the self, the other and the lifeworld, and will develop on a narrative that is intrinsically autobiographical.

De Anima segue l'interazione di cinque corpi risonanti: gli strumenti di un quartetto d'archi e lo spazio performativo. Le caratteristiche acustiche dello spazio interno degli strumenti e del luogo formeranno il paesaggio sonoro del pezzo in tempo reale, creando per ogni performance risultati musicali imprevedibili e non riproducibili. La loro interazione suggerirà metafore sonore del sé, dell'altro e del mondo-della-vita, e si svilupperà in una narrativa che à intrinsecamente autobiografica.

 

Richard Festinger

Richard Festinger – Professor of Music Theory and Composition, Artistic Director, Morrison Artist Series, School of Music, San Francisco State University – United States

Careless Love

Careless Love is a song cycle for baritone voice with a supporting ensemble of clarinet, horn, violin, viola, cello and piano, using texts, both lyrical and humorous, drawn from the poetry of A.E. Stallings, W.B. Yeats, Robert Herrick and Jill Essbaum. The work is commissioned by the San Francisco Contemporary Music Players. The duration will be approximately 20 minutes.

Careless love è un ciclo di canzoni per voce baritono con un ensemble d'appoggio di clarinetto, corno, violino, violoncello e piano, che usa testi, sia lirici che spiritosi, estratti dalla poesia di A.E. Stallings, W.B. Yeats, Robert Herrick e Jill Essbaum. Il lavoro è commissionato dai San Francisco Contemporary Music Players. La durata sarà di circa 20 minuti.

 

THEATER

 

Fernando Arze – Actor, Director, Playwright – Brazil/Bolivia

La Despedida / The Farewell (working title)

Is it possible to generate a theatrically dramatic piece using an actor's energy on stage? Arze proposes to research and create the dramatic text of the third piece in The Trilogy of Freedom, using energy vectors inspired by images (photos, paintings, videos by other artists), the imaginary world of the character and the actor's “personal dance”. The Trilogy is a series of three monologues, and The Farewell focuses on a woman living her last days.

È possibile creare drammaturgia usando unicamente l'energia dell'attore in scena? Arze intende analizzare il personaggio del terzo monologo Trilogia della Libertà, utilizzando vettori di energia ispirati a immagini (foto e pitture di altri artisti), suoni, il mondo immaginario del personaggio e la “danza personale” dell'attore, e da questo generare una drammaturgia. La Trilogia è una serie di tre monologhi che discutono di libertà, e La Despedida si focalizza su una donna che vive gli ultimi giorni della sua vita.

 

Lucienne Guedes Fahrer 

Lucienne Guedes Fahrer – Actress, Writer – Brazil

Cantata para Madalena/Cantata for Madalena

Fahrer will complete this play inspired by the character Madalena in the book "São Bernardo" by Graciliano Ramos. Like other female characters in world literature, theater and cinema, Madalena finds suicide the only way out of a life of pain, violence and misunderstanding. The goals of this work are to imagine other narratives, to create other escapes, and to envision a future for these archetypal female figures.

La Fahrer completerà quest'opera ispirata al personaggio di Madalena nel libro “Sào Bernardo" di Graciliano Ramos. Come succede con altri personaggi femminili nella letteratura, il teatro e il cinema mondiali, il suicidio è per Madalena l'unica via d’uscita da una vita di dolore, violenza e incomprensione. L'obiettivo di questo lavoro è immaginare narrative diverse, creare altre vie d'uscita e concepire un futuro per queste figure archetipiche femminili.

 

Kara Lee Corthron Photo: Jodi Christopherson

Kara Lee Corthron – Playwright – United States

#TinyBirdCries

#TinyBirdCries is a play that lives in the real world, the virtual world, and the mysterious place that lies between. It takes two parallel journeys: 1) that of a teenager who’s been raised as a girl her whole life, but was born intersex, and now realizes that neither gender quite fits; and 2) that of a monstrously lonely man, a brilliant math teacher with a multitude of online personas. Eventually, the two collide on Twitter, thinking that they’ve found the perfect companion but, in reality, they know nothing about the other beyond what can be typed in 140-character bursts.

#TinyBirdCries è un’opera che vive nel mondo reale, nel mondo virtuale, e nel misterioso spazio in mezzo ai due. Racconta due storie parallele: 1) quella di un'adolescente che è stata cresciuta come una ragazza per tutta la sua vita, ma che è nata ermafrodita e ora si rende conto che nessuno dei due generi sessuali è adeguato; e 2) quella di un uomo terribilmente solo, un brillante insegnante di matematica con moltissime identità virtuali. I due si incontreranno su Twitter, pensando di aver trovato il compagno ideale, ma, in realtà, non sanno nulla dell'altro al di là di quello che si può scrivere in un messaggio di 140 caratteri.

 

 

VISUAL ARTS

Ann Diener 

Ann Diener – Visual Artist – United States

The Curtains

The Curtains is a series of drawings which maps portions of the layered history of Genoa, charting the ways the Adorno Family transformed the city from the 1300s to the 1500s. Unmoored from a linear narrative, the work addresses how successive groups of occupants interacted with and “overdrew” occupied spaces. It creates a portrait of place, incorporating architecture, history, photography, common objects, portraiture, patterns, myth and legend.

The Curtains è una serie di disegni che mappano diverse porzioni della stratificata storia di Genova, tracciando i modi in cui la famiglia Adorno trasformò la città dal 1300 al 1500. Il lavoro, svincolato da una linea narrativa, analizza come successivi gruppi di abitanti abbiano interagito con ed “esaurito” gli spazi occupati. Crea un ritratto dei luoghi, mescolando architettura, storia, fotografia, oggetti comuni, ritrattistica, modelli, mito e leggenda.

 

Daniil Galkin

Daniil Galkin – Visual Artist – Ukraine

The Lower State

The Lower State reflects a set of situations in the socio-political system which constitute a pillar of the existing social order and shape the public opinion, thus questioning the moral, political, legal and ethical standards. The Lower State project has a second title – Dissociative Resocialization – a term whose definition helps delve into our field of artistic research: it is a repeated socialization, which occurs throughout the individual's life and changes his/her attitude, goals, norms and values.

The Lower State riflette una serie di situazioni nel sistema sociopolitico che costituisce un fondamento dell'ordine sociale esistente e che forma l'opinione pubblica, mettendo così in dubbio gli standard morali, politici, legali ed etici. Il progetto The Lower State ha un secondo titolo: Dissociative Resocialization (risocializzazione dissociativa), un termine la cui definizione aiuta ad immergersi nel nostro ambito di ricerca: si tratta di una socializzazione ripetuta, che ha luogo nel corso della vita dell'individuo e che cambia il suo atteggiamento, i suoi obiettivi, le sue norme e i suoi valori.

 

Barbara Friedman

Barbara Friedman– Professor of Art, Pace University, NYC – United States

OROPHE/KATASTROPHE

Barbara Friedman will paint local roofs for OROPHE/KATASTROPHE (“orophe” is Greek for “roof”), a series that began when she saw a collapsed roof on Samos. She had been watching refugees cross Samos to its harbor, their shelter lost, yet creating ad hoc shelters. The collapsed roof evoked both improvisation and shelter's fugitive quality. Now Friedman paints roofs that don’t do what they were made for, that appear in unknown places or fly unmoored, improvising shelter as they must in a catastrophe.

Barbara Friedman dipinge tetti locali in OROPHE/KATASTROPHE (“orophe” è la parola greca per “tetto”), una serie che cominciò quando vide un tetto crollato a Samos. Aveva visto come i rifugiati attraversavano Samos verso il porto, senza rifugio e tuttavia creandone ad hoc. Il tetto crollato rievocava l'improvvisazione e lo status fugace dei rifugi. Adesso Friedman dipinge tetti che non fanno quello per cui sono stati costruiti, che appaiono in posti sconosciuti o che volano senz'ancora, improvvisando un rifugio, come devono fare, in una catastrofe.